Benvenuti !

Dedico questo blog educativo a tutti coloro che vogliono conoscere qualcosa della cultura italiana e che si interessano della lingua.
Per qualsiasi riproduzione dei miei lavori , per idee, opinioni e aiuto , per favore, contattate thmylonas@sch.gr

Buon divertimento!

Αφιερώνω αυτό το εκπαιδευτικό ιστολόγιο σε όσους θέλουν να γνωρίσουν όψεις της ιταλικής κουλτούρας και ενδιαφέρονται για την ιταλική γλώσσα.
Για οποιαδήποτε μορφή αναδημοσίευσης των εργασιών μου ή για ιδέες, απόψεις και βοήθεια παρακαλώ επικοινωνείτε με thmylonas@sch.gr

L'insegnante BiancaMaria Tapinassi-Μυλωνά

Etichette

Παρασκευή, 7 Φεβρουαρίου 2020

Gianni Morandi, "in ginocchio da te"


Gianni Morandi  “In ginocchio da te”.    Testo e traduzione

Io voglio per me le tue carezze      
Θέλω για μένα τα χάδια σου
si' io t'amo piu' della mia vita 

ναι, σε αγαπώ περισσότερο από τη ζωή μου

Ritornero'                             θα γυρίσω
in ginocchio da te                 
γονατιστός σε σένα
l'altra non e'                         
η άλλη δεν είναι
non e' niente per me.            
δεν είναι τίποτα για μένα
Ora lo so                             
Τώρα το ξέρω
ho sbagliato con te               
έκανα λάθος με σένα
ritornero' in ginocchio da te  
θα γυρίσω γονατιστός σε σένα

e bacero' le tue mani amor    και θα φιλήσω τα χέρια σου αγάπη μου
negli occhi tuoi                   
μέσα στα μάτια σου
che hanno pianto per me     
που κλάψανε για μένα
io cerchero'                        
θα ψάξω
il perdono da te                  
τη συγνώμη από σένα
e bacero' le tue mani amor.
Io voglio per me le tue carezze
si' io t'amo piu' della mia vita

Io cerchero'
il perdono da te
e bacero' le tue mani amor.

Ritornero'
in ginocchio da te
l'altra non e'
non e' niente per me.
Ora lo so
ho sbagliato con te
ritornero' in ginocchio da te

si' io t'amo piu' della mia vita
Io voglio per me le tue carezze
si' io t'amo piu' della mia vita

Foglio di lavoro

ESERCIZIO A. Ascolta e completa con

1.  i verbi al presente e al passato prossimo

Io .............. per me le tue carezze
si' io t' .............. piu' della mia vita

Ritornero'
in ginocchio da te
l'altra non .....'
non ...........  niente per me.
Ora lo ..........
..................        con te
ritornero' in ginocchio da te

e bacero' le tue mani amor
negli occhi tuoi
che .................. per me
io cerchero'
il perdono da te
e bacero' le tue mani amor.
Io ............... per me le tue carezze
si' io t' ............ piu' della mia vita

2.  i verbi al futuro

Io ..................
il perdono da te
e ....................' le tue mani amor.

....................    in ginocchio da te
l'altra non e'
non e' niente per me.
Ora lo so
ho sbagliato con te
.....................  in ginocchio da te
si' io t'amo piu' della mia vita
Io voglio per me le tue carezze
si' io t'amo piu' della mia vita
ESERCIZIO B. Scelta multipla
1.   Questa e’ una canzone   
             a.  politica    
b. di amore     
c. religiosa

2.   Il ragazzo e’
a.   pentito (μετανιωμένος)     
b. contento      
c. preoccupato

3.   Il ragazzo
a.   non ama la ragazza      
b. ama la ragazza, ma e’ andato con un altra
c.ama un’ altra.

    4. Il ragazzo vuole chiedere dalla ragazza
a. un prestito ( δανεικά)      
b. la separazione        
c. scusa

ESERCIZIO C. Trasforma i verbi al passato prossimo
Io cerchero'   ..........................................
il perdono da te
e bacero' le tue mani amor. ............................................

Ritornero'   .....................................................
in ginocchio da te
l'altra non e' ..................................
non e' niente per me.  .................................
Ora lo so  ...............................
ho sbagliato con te
ritornero' in ginocchio da te ...............................................










Κυριακή, 2 Φεβρουαρίου 2020

Σάββατο, 1 Φεβρουαρίου 2020

Παρασκευή, 31 Ιανουαρίου 2020


Don Bachy “Frasi d’amore”
Testo e traduzione 

Se a una donna tu doni una viola, viola d'amore                                                    
Αν σε μια γυναίκα χαρίζεις μια βιολέτα, βιολέτα αγάπης
Se la prendi per mano e la stringi più forte che puoi                                             Αν την παίρνεις απτο χέρι και τη σφίγγεις όσο πιο δυνατά μπορείς
Se non dormi la notte aspettando che venga domani                                          Αν δεν κοιμάσαι  τη νύχτα περιμένοντας να έρθει το αύριο
Non si posson contare le notti che non ho dormito                                               Δεν μπρούν να μετρηθούν οι νύχτες που δεν κοιμήθηκα
Se tu pensi alle cose più belle, se tu pensi alle stelle                                          Αν σκέφτεσαι τα πιο όμορφα πράγματα, αν σκέφτεσαι τα αστέρια
Se tu pensi alle piogge d'aprile, alle sue serenate                                              Αν σκέφτεσαι τις βροχές του Απρίλη, τις σερενάτες του
Se a lei dedichi frasi più belle e più delicate                                                       Αν σε εκείνην αφιερώνεις τις πιο ωραίες φράσεις και τις πιο ντελικάτες
Devi solo sapere che io le ho sofferte e cantate                                                  Πρέπει μόνο να ξέρεις πως εγώ τις υπέφερα και τις τραγούδησα

... (orchestra)
Se ti senti felice soltanto ad averla vicino                                                          Αν νιώθεις ευτυχισμένος μόνο και μόνο όταν την έχεις κοντά σου
Ciò vuol dire, vuol dire che tu, hai trovato l'amore                                              Αυτό σημαίνει, σημαίνει πως εσύ, βρήκες την αγάπη


l' insegnante BiancaMaria Tapinassi




  




Κυριακή, 19 Μαΐου 2013

Spot pubblicitario, riferimenti culturali



1. Che prodotti pubblicizza questo spot?


2. Οsserva lo spot pubblicitario. Quali immagini ti colpiscono di più ?

3. Fra le immagini che ti hanno colpito, quali, secondo te, rappresentano la cultura e la qualità di vita in Italia?



L’ insegnante BiancaMaria Tapinassi-Mυλωνά






Σάββατο, 11 Μαΐου 2013

“I soliti ignoti-identità nascoste” , esercitazione sulle professioni

“I soliti ignoti-identità nascoste” è un quiz televisivo che esamina la capacità dei partecipanti a indovinare la professione dei personaggi a seconda della immagine e con pochi indizi.


Cercate di indovinare anche voi la professione dei personaggi del quiz. Le professioni da scegliere appaiono sulla sinistra dello schermo.

Buon divertimento!


l’ insegnante BiancaMaria Tapinassi-Μυλωνά

Δευτέρα, 10 Σεπτεμβρίου 2012

Pimpa di Altan, una giornata speciale, foglio di lavoro con esercizi, φύλλο εργασίας με ασκήσεις




Prima parte: Αrriva la notte

Vocabolario per la prima parte
A. Osservare le prime immagini senza voce e riconoscere le parole:
il gallo κόκκορας
il sole ήλιος
le nuvole σύννεφα
il tramonto ηλιοβασίλεμα
tramontare δύω
la luna φεγγάρι
le stelle αστέρια

B. Ascoltare il primo dialogo
• Che ora è ?
• Cosa dicono per salutarsi?

• Drammatizzare:
-‘E già ora di tramontare?
- Si, buona notte.
- A domani.

• Recitare ancora cambiando le parole:
esempio (quando andiamo a mangiare):
-‘Ε già ora di …………………. ? (mangiare)
-Si, ............................ (buon appettito)
- ......................... (altrettanto)

1. Quando si va a dormire. (dormire, sogni d’ oro, anche a te)
2. Quando si va via. (andare, a dopo, ciao)
3. Quando si parte. (partire, tutto è pronto, buon viaggio)
4. Quando uno torna. (Sei già tornato! , eccomi, ben tornato)
5. Quando uno arriva. (Sei già arrivato! , eccomi, benvenuto)

Seconda parte: Però mi leggi una storia...

C. Vedere e ascoltare la seconda parte

Vocabolario per la seconda parte
principessa πριγκίπισσα
bella addormentata ωραία κοιμωμένη
è ora di andare a letto είναι ώρα να πάω στο κρεβάτι
c’ era una principessa ήταν μία πριγκίπισσα
c’ ero anch’ io, sai ήμουν και γω, ξέρεις
però mi leggi una storia όμως θα μου διαβάσεις μία ιστορία

Completare il dialogo con le frasi fra parentesi: (e la principessa no, Sei sicuro? però mi leggi una storia, C’ero anch’ io, sai?, Va bene, che era la gatta Rosita, è ora di andare a letto)

• Pimpa: “ ‘Ε arrivata la notte.”
• Armando: “ E tu hai finito la zuppa. ............................................................”
• Pimpa: “………………….”
• Armando: “ Si.”
• Pimpa: “ Sicuro, sicuro, sicuro?”
• Armando: “ Si, si, si.”
• Pimpa: “ Allora va bene. ……………………………………………………………..“
• Armando: “ Ti racconto la storia della bella addormentata”
• Pimpa: “…………………….”
• Armando: “C’ era una principessa...”
• Pimpa: “........................................”
• Armando: “ Perchè la gatta Rosita? “
• Pimpa: “ Perchè lei la conosco, .....................................”
• Armando: “ Ah, allora la principessa Rosita…”
• Pimpa: “ ........................................................... “

Terza parte: Pimpa e la bella addormentata

D. Scelta multipla
1. Chi dorme?
a. Cenerentola
b. La Bella Addormnentata
c. Biancaneve
d. La Bella Pigrona

2. Chi aspetta?
a. Il principe nero
b. La rana verde
c. Il principe azzurro

3. Da quanto tempo aspetta?
a. da otto ore
b. da sette ore
c. da una settimana

Quarta parte: Pimpa racconta al Buio la fine della storia

E. Prova a raccontare la fine della storia usando queste parole:

il principe, verde, un bacio, la gatta addormentata, azzurro, rosso, felici e contenti


Βiancamaria Tapinassi-Μυλωνά

Σάββατο, 23 Ιουνίου 2012

Pimpa di Altan, canzone e foglio di lavoro con esercizi

(αφιερωμένο στον Κωνσταντίνο)




Esercizi
A Leggete le parole e ripetetele a voce alta


cane             σκύλος
ippopotamo  ιπποπόταμος
coniglio         κουνέλι
pesce           ψάρι
scoiattolo     σκίουρος
pavone        παγώνι
bianco         λευκό
rosso           κόκκινο
giallo           κίτρινο
blu              μπλε
casa            σπίτι
amici           φίλοι
viole            βιολέτες
cuccia       γωνιά όπου κοιμάται ο σκύλος

B. Adesso guardate il video e rispondete alle domande senza audio


1) la Pimpa è un cane o un coniglio?
2) è bianca e rossa o gialla e blu?
3) vive in una casa o in una cuccia?
4) la sua casa è piccola e bianca o grande e gialla?
5) vive da sola o con Armando?
6) ha pochi o tanti amici?
7) è simpatica o musona?


Allora, la Pimpa è un ................................


C. Adesso guardate di nuovo il video e ascoltate la canzone senza leggere il testo!!!!!
Mettete nell’ ordine giusto:


• La Pimpa
            salta dal letto         salta dal letto
            esce correndo        ........................
            sveglia le viole       .......................
            fa un bel bagnetto  ........................
            saluta Armando      .......................
           ha tanti amici           ......………….
           corre in cucina         .......................
           gioca a Pallone         .......................
          dice buongiorno        .......................


D. Adesso controlla nel testo se le azioni sono nell’ ordine giusto.


Alla mattina salta dal letto        το πρωί πηδάει από το κρεβάτι
fa un bel bagnetto                   κάνει ένα ωραίο μπάνιο
corre in cucina                        τρέχει στην κουζίνα
saluta Armando                      χαιρετάει τον Αρμάντο
esce correndo                         βγαίνει τρέχοντας
sveglia le viole ...                    ξυπνάει τις βιολέτες


Gioca a pallone con il leone        παίζει μπάλα με το λιοντάρι
all'ippopotamo dice buongiorno   στον ιπποπόταμο λέει καλημέρα
sorride a tutti quelli che ha intorno χαμογελάει σε όλους όσους  έχει γύρω της
ha tanti amici, TRECENTOTRÉ!!! έχει πολλούς φίλους, τριακόσιους τρεις
(perché? perché?) (γιατί ; γιατί; )


Perchè è la Pimpa ecco perchè !! Γιατί είναι η Πίμπα, να γιατί!!

E. E tu cosa fai la mattina?

F. E adesso cantiamo insieme!



l' insegnante BiancaMaria Tapinassi-Μυλωνά



Σάββατο, 9 Ιουνίου 2012

Κυριακή, 3 Ιουνίου 2012

Altan, breve biografia e un foglio di lavoro su 5 vignette

Breve biografia di Altan

Francesco Tullio Altan, più noto come Altan (Treviso, 30 settembre 1942), è un fumettista, disegnatore, sceneggiatore e autore satirico italiano.

Nel 1974  Altan inizia a collaborare come fumettista per alcuni giornali italiani.

Sulle pagine di Linus prende vita il personaggio di Trino, un dio impreparato che si affanna nella creazione del mondo. Nel 1975, crea la cagnolina Pimpa, uno dei suoi personaggi più famosi, che sarà pubblicato inizialmente sul Corriere dei Piccoli.

Altan ha creato anche storie a fumetti per un pubblico adulto come le storie dell'operaio metalmeccanico comunista Cipputi e celebri parodie di personaggi famosi; Inoltre, ha realizzato le vignette di alcuni libri scritti da Gianni Rodari.

Decennale è la sua collaborazione con riviste come L'espresso, Panorama e ultimamente con il quotidiano La Repubblica per il quale disegna vignette di satira politica.

In genere, nelle vignette satiriche di Altan vengono raffigurate persone comuni, mentre quasi mai si trovano personaggi politici.



Foglio di lavoro su 5 vignette di Altan: Scelta multipla

1. Youtube e i giovani
Qual è il messaggio della vignetta di Altan?

a. Youtube non aiuta i giovanni a trovare se stessi.

b. I giovanni non sanno usare bene youtube.

c. Prima di usare youtube devi sapere che cosa ti interessa sennò ti perdi nel mondo di internet.

d. Un giovane deve stare attento a cosa guardare su youtube


2.Razzismo


Come si presenta il poliziotto?

a. Dimostra comprensione nei confronti dello straniero.

b. Usa stereotipi razzisti.

c. Cerca di aiutare lo straniero.

d. Lo ignora


3. Il futuro dei giovanni
Cosa esprime Altan in questa vignetta?

a. Ottimismo per il futuro dei giovani.

b. Sarcasmo e pessimismo.

c. Gioia e buone speranze.

d. Dubbio e tristezza.


4. Energia nucleare
In questa vignetta Altan si presenta:

a. contrario all’ energia nucleare.

b. favorevole.

c. dubbioso.

d. senza una chiara posizione.


5. Disoccupazione
In questa vigneta un operaio:

a. è contento che il suo compagno abbia perso il posto di lavoro.

b. dimostra indiferrenza per il problema del suo compagno.

c. esprime un’ amara ironia

d. si augura che il suo compagno ritrovi lavoro.



SOLUZIONI: 1c, 2b, 3b, 4a, 5c

l’ insegnante BiancaMaria Tapinassi-Μυλωνά





Κυριακή, 27 Μαΐου 2012

Eros Ramazzotti, "piü bella cosa", testo e foglio di lavoro sulla canzone



Foglio di lavoro

A. COMPRENSIONE.
ASCOLTATE IL TESTO ALMENO DUE VOLTE E RISPONDETE ALLE DOMANDE

1.Cosa ci vuole con la ragazza?

• ................................

• ...............................

• .................................

2. Con quali aggettivi la descrive?

• .....................................

• .....................................




3.Secondo te,la ragazza è contenta del suo innamorato?

4.La loro storia finirà ?

5.Ti piace questo tipo di uomo?

6.Secondo te come è cominciata la storia fra loro?

B. TESTO.
ASCOLTATE DI NUOVO E COMPLETATE


Com’ è cominciata io non saprei
la .......... infinita con te
che sei diventata la mia re
di tutto una ......... per me

Ci .............. passione con te
e un briciolo di pazzia
ci vuole pensiero perciò
................. di fantasia

Ricordi la ............. che ti cantai
fu subito un brivido si
ti dico una cosa se non la sai
per me ........... ancora cosi

Ci vuole passione con te
non deve mancare mai
ci vuole ................ perche’
lavoro di cuore lo sai

Cantare d’ amore non ............. mai
mi servira di più
per dirtelo ancora
per dirti che

più bella cosa non c’è
più bella cosa .....  te
unica come sei
................ quando vuoi
grazie d’esistere

Com’ è che non passa
negli ............. miei
la voglia infinita di te
cos’ è quel mistero che ancora sei
che porto qui ............ di me

Saranno i momenti che ho
quegli attimi che mi dai
saranno ................ però
lavoro di voce lo sai

C. GRAMMATICA
COMPLETATE CON “ci” o “ne”

1. Per stare con lui ...... vuole tanta pazienza!

2. -Quando andiamo al mare?

- ............ andiamo domani.

3. -Che ........... dici di veder... al cinema stasera?

- Ottima idea!

4. -Credi alle mie parole?

-Si, ..... credo ,ma vorrei saper..... di più’.

5. Per andare in Italia in aereo ..... vogliono due ore soltanto!

6. -Che ...... pensi di fare il Natale in montagna?

-Sono d’accordo : Per Natale …..vuole la neve!

7. -Allora , quando ....... vediamo ?

-Direi di incontrar..... da Piero stasera. Che ..... pensi?

-No! Da Piero no! Non ....... posso piü dei suoi cani!!


L’insegnante BiancaMaria Tapinassi-Mυλωνά











Παρασκευή, 18 Νοεμβρίου 2011

Leggere, esercizio di comprensione su un testo di Michela Murgia

la scrittrice Michela Murgia
LEGGERE


Leggete il brano e confrontatelo con le frasi. Indicate le sette frasi presenti nel testo segnando una crocetta. Dovete indicare solo sette frasi.

“ STORIA DI PAGINE STRAPPATE” di Michela Murgia

L'altro giorno sono entrata nella libreria di Cagliari dove di solito mi servo e ho fatto quello che faccio sempre prima di decidere cosa acquistare: per mezz'ora ho guardato i libri. Il mio libraio è un vero libraio, un tipo in gamba, non di quelli che ti arrivano addosso declamando “in cosa possa esserle utile?”

Il mio libraio, che è un vero libraio, questa cosa non la fa: invece aspetta. Quando ho finito di guardare i libri, di solito ne ho trovati due o tre che mi seducono e li porto alla cassa. Allora comincia il lavoro del libraio. L'ultima volta ha guardato i miei titoli e ha detto: “non ci siamo. Questo secondo me lo tiri al muro dopo tre pagine. Dammi retta”, dice lui convinto, “per te sono soldi buttati, credimi. Non è il tuo romanzo”.

Guardo il libro e già mi sembra meno accattivante. La copertina ora mi pare abbia un che di ostile. Lo rimetto a posto. Quando torno da lui, sul banco della cassa c'è un libro che prima non c'era. Si chiama Il libraio, l'autore ha un nome molto strano - Regis De Sà Moreira – e la casa editrice si chiama Aìsara. “È un francese”, mi dice il mio libraio, “e secondo me questo ti piace”. Lo prendo in mano e lo guardo bene. Ha una copertina illustrata in modo molto felice: un uomo stilizzato con una bacchetta magica in mano apre un libro e le lettere ne escono come farfalle. Lo poso sul banco e guardo il mio libraio. “Perché pensi che possa piacermi” , gli chiedo. “Perché è una storia eterna”, mi risponde. “Non mi convince” , affermo. “Capisco”, fa lui prendendo il libro in mano. “Per questo ti faccio una proposta...” Mentre ancora parliamo fa qualcosa di brusco e totalmente inatteso: apre il libro e senza il minimo preavviso ne strappa una pagina dal centro. “Tieni”, dice porgendomela, “ti leggi questa pagina. Poi se ti piace torni a prendere il resto.”

È un tipo un po' strano, il mio libraio. È quasi come Il libraio del romanzo di Regis De Sà Moreira, che strappa le pagine dei libri per farli assaggiare ai lettori giusti. Il romanzo è bellissimo, la storia è davvero eterna e io sono tornata indietro a comprarne sei copie per regalarle agli amici.



1. La narratrice appena entra in libreria chiede al libraio quale libro le propone.

2. Il libraio di quella libreria e un tipo molto fastidioso.

3. Il libraio controlla i libri che ha scelto la narratrice.

4. L’ ultima volta lui non era d’accordo su un libro che ha trovato la narratrice.

5. La narratrice non si convince dal libraio e compra il libro.

6. Il libraio propone un altro romanzo di un autore francese.

7. Questo romanzo francese ha una copertina che sembra molto bella.

8. La copertina di questo libro illustra un direttore di orchestra con la sua baccheta.

9. La narratrice e il libraio discutono su questo romanzo.

10. Il libraio spiega con molti dettagli il contenuto e i personaggi del romanzo.

11. La narratrice non vuole prendere il libro.

12. Il libraio, arrabbiato, strappa tutti i fogli e distrugge il libro

13. Alla fine la narratrice legge il romanzo francese e lo trova stupendo.

14. Poi, la narratrice consiglia questo romanzo e sei amici.





l’insegnante BiancaMaria Tapinassi-Μυλωνά

Δευτέρα, 7 Νοεμβρίου 2011

Regolamento del parcheggio "Mercato civico"

LEGGERE (per gli esami PLIDA , livello B1)
Leggete il regolamento e completate le frasi con la parola giusta. Sceglietela fra le quattro proposte (a, b, c, d) . Dovete indicare solo una parola.

REGOLAMENTO DEL PARCHEGGIO “MERCATO CIVICO”

1. Il parcheggio non è custodito ed è (1) ............................. alle sole autovetture di altezza massima di metri 2,10 .
2. Ogni posto auto deve essere utilizzato (2).............................. per il parcheggio di un solo veicolo a motore.
3.Nel caso di invasione di due posti auto o di sosta fuori dagli spazi sarà applicata una (3) ............................ di € 20,00.
4.All ’interno del parcheggio la (4) ......................... va effettuata a “passo d’uomo” e nel rispetto della segnaletica.
5.In particolare è fatto divieto assoluto di fumare, di utilizzare fiamme libere e di sostare a lungo con il motore acceso, di riscaldarlo e di (5) ......................... il clacson.
6) Le tariffe sono (6)..................... al pubblico alle entrate.
7) Il parcheggio è (7) ..................... 24 ore al giorno.
8) Il pagamento della tariffa va effettuato alla (8) ................ automatica prima di ritirare il veicolo. Il tempo disponibile tra il pagamento della tariffa e l’uscita dal parcheggio con il veicolo è pari a 10 minuti.

1. a. costruito b. riservato c. mostrato d. frequentato
2. a. fortemente b. eccessivamente c. esclusivamente d. gravemente
3. a. penale b. cena c. circolazione d. mancia
4. a. rivoluzione b. soluzione c. alimentazione d. circolazione
5. a. disturbare b. suonare c. attaccare d. salutare
6. a. scritte b. nascoste c. esposte d. somministrate
7. a. aperto b. iniziato c. dipinto d. continuato
8. a commessa b. presidenza c. impiegata d. cassa



SOLUZIONI: 1b, 2c, 3a , 4d, 5b , 6c, 7a, 8d

L’insegante BiancaMaria Tapinassi-Μυλωνά

Τετάρτη, 24 Αυγούστου 2011

Nicola Piovani, "Canzone del mal di luna", dialetto siciliano




La luna 'un avi ciammi e vui l'aviti


Idda I'argento e vui l'oro purtati

Idda la luci spanni

Idda la luci spanni e vui la dati.

La luna in cielo e vui lucite in terra

Site 'na donna di belizzi rari

E spirluciti como

E spirluciti como una lanterna

Como varca a macieddu supra mari

Como varca a macieddu supra mari

Ne lo tuo pietto 'n aucieddo ci verna

Nella tu vucca 'n arburi ci arridi

Bella ca fusti fatta

Bella ca fusti fatta in vita eterna

Tutti l'arburi sicchi fai sciuriri

Tutti l'arburi sicchi fai sciuriri



             La luna non ha fiamme e tu ce l’ hai

            Lei è vestita d’ argento e tu sei vestita d’oro

            Lei spande la luce

           Lei spande la luce e tu la doni

          Lei splende in cielo e tu splendi in terra

          Sei una donna di bellezze rare

          E illummini come

         E illummini come una lanterna

         mentre una barca si perde nel mare

        mentre una barca si perde nel mare

        Nel tuo petto un uccello passa l’ inverno

        Nella tua bocca un alberello mette radici

        Come sei fatta bella

        Come sei fatta bella in una vita eterna

       Tutti gli alberi secchi fai fiorire

        Tutti gli alberi secchi fai fiorire



l’insegnante BiancaMaria Tapinassi-Μυλωνά

Κυριακή, 17 Ιουλίου 2011

Πέμπτη, 14 Ιουλίου 2011

Michelangelo Buonarroti , breve biografia e le sue opere piu' importanti Μιχαήλ Άγγελος , βίος και έργα


Michelangelo Buonarroti (Caprese , 6 marzo 1475Roma, 18 febbraio 1564) è stato uno scultore, pittore, architetto e poeta italiano. Protagonista del Rinascimento  fu riconosciuto già al suo tempo come uno dei più grandi artisti di sempre.
Intese fare della sua attività un'incessante ricerca dell'ideale di bellezza. Fu nell'insieme un artista tanto geniale quanto irrequieto. Il suo nome è collegato a una serie di opere che lo hanno consegnato alla storia dell'arte, alcune delle quali sono conosciute in tutto il mondo e considerate fra i più importanti lavori dell'arte occidentale: il David, la Pietà o il ciclo di affreschi nella Cappella Sistina sono considerati traguardi insuperabili dell'ingegno creativo.
Lo studio delle sue opere segnò le generazioni successive, dando vita, con altri modelli, a una scuola che fece arte "alla maniera" sua e che va sotto il nome di manierismo.

Opere
·        Nel 1496 lasciò la città di Firenze e si trasferì a Roma dove su commissione del cardinale Jean Bilheres realizzò la "Pietà". Il gruppo scultoreo rappresenta la Madonna con in grembo Cristo senza vita.
·        Nel 1501, tornato a Firenze, gli viene commissionata una scultura rappresentante il "David" che doveva essere collocata presso il duomo. Il "David" fu collocato davanti il Palazzo Vecchio, oggi il suo posto è occupato da una copia, mentre l'originale si trova all'Accademia di Belle Arti.

·        Sempre a Firenze, per il matrimonio di Agnolo Doni, eseguì una tavola rappresentante la "Sacra Famiglia", conosciuta con il nome di "Tondo Doni".
·        Sono pure di Michelangelo Buonarroti, a Firenze, la biblioteca Laurenziana e la cappella Medicea.
·        Nel 1503 Michelangelo Buonarroti si recò nuovamente a Roma dove il Papa Giulio II della Rovere gli commissionò il suo mausoleo, al quale l'artista lavorò dal 1503 al 1545.
·        Nel 1508 inoltre gli furono commissionati gli affreschi per la Cappella Sistina ai quali lavorò fino al 1512.
·        Poco dopo la morte di Giulio II Michelangelo Buonarroti concluse le sculture dello "Schiavo ribelle" e del "Mosè" di San Pietro in Vincoli.


·        Il nuovo Papa Leone X inviò Michelangelo a Firenze per completare la facciata di San Lorenzo e per la costruzione della Sagrestia Nuova, della Biblioteca e delle Tombe dei Medici, per le quali eseguì le sculture del "Giorno" e della "Notte".
·        Nel 1534 Michelangelo Buonarroti si stabilì definitivamente a Roma accettando l'incarico di dipingere il "Giudizio Universale" nella parete di fondo della cappella Sistina.
·        Michelangelo Buonarroti morì il 18 febbraio del 1564 a Roma nella sua casa presso il Foro di Traiano.
·        Con Michelangelo Buonarroti, l'arte Italiana ha raggiunto uno dei suoi più alti vertici, oltre alle sue opere di scultura e pittura, restano le "Rime" (in gran parte ispirate dall'ideale amore per Vittoria Colonna) e molte lettere dirette ai più famosi artisti del tempo.

fonte: Wikipedia

l’ insegnante BiancaMaria Tapinassi-Μυλωνά